x

THE HOUSE OF IMMORTALITIES

video still - neith - the house of immortalities by Mali Weil

concept and products design:
Mali Weil

jewelry design:
Anna Kiryakova

design development:
Materia Critica
(Martina Ranedda, Naomi Galavotti, Francesco Elipanni)

books editing:
Mali Weil

light design consultant:
Fabio Sajiz

staging:
Giovanni Marocco

Neith (video):
Alice Voltolini

production:
Mali Weil, Centrale Fies

special thanks:
Stefano Bin, Eliana Gruber, Denis Isaia, Virginia Sommadossi

House of Immortalities (1. Mythology) is the first public glimpse of an ongoing project. It is a space for rest and concentration in the middle of a work-in-progress research about chances and ranges of individual actions.
Mali Weil goes through some key words of democracy philosophical history and proposes them to the visitor as a subjects for a political and personal dressage.

It has the shape of a ritual composition that flows between philosophical references, exercises and myths. Here, the visitor is called then to experience a space where architecture, mythology and design merge and reshape a political practice focused on the Care of the Self.

The display is the one of a relational performance “in absentia” because there is no performer. The long-distance relationship to an absent body allows the visitor to fill temporarily the void left within the conceptual and spatial structure. It is up to the guest  to express his/her possibility to re-enact those foundation practices in order to fill up the empty spaces with their body.

IT
Prima apertura di un progetto in divenire, House of Immortalities (1. Mythology) è uno spazio di riposo e concentrazione nel mezzo di una ricerca sulle possibilità e la portata dell’azione individuale. Mali Weil attraversa alcuni concetti chiave della storia filosofica della democrazia e li propone come elementi di un dressage politico per il singolo visitatore.

Attraverso una partitura rituale, che fluisce tra esercizi, miti e rimandi filosofici, il visitatore è chiamato ad abitare uno spazio dove mitologia, architettura e design, concorrono a ridisegnare una pratica politica incentrata sulla Cura del sé.
La struttura è quella di una performance relazionale “in absentia”, poiché presentata in un display segnato dall’assenza del performer. Il rapporto a distanza con un corpo assente apre un vuoto che permette al visitatore di riempire temporaneamente tutte le posizioni all’interno della struttura concettuale e spaziale. E lui sarà chiamato a pronunciarsi sulla possibilità di attivare nuove pratiche di fondazione, a colmare con la sua presenza il posto rimasto vuoto.

EXPERIENCE

The house of immortalities is a place built around his/her guest: silence, care and dedication dwell there.
The guest is invited to enter a timeless ritual bubble, where everything is organized so that he/she can focus in a moment of care and meditation.
There are three Cells (heart, brain, tongue), each one containing a book, a canopic jar and a ritual jewel.
The visitor crosses different positions that are at the same time linguistic, physical and conceptual.
From these spatial, relational and physical elements a political dressage arises, and it should ideally not end.
After staying within his/her own meditation cell, the guest is invited to sit at the foundations table: an open, common space where the action possibility fully belongs once again to him/her.

heart room view

La House of Immortalities è un luogo costruito attorno al suo ospite: vi regnano silenzio, cura e dedizione.
Il visitatore è invitato a entrare in una bolla rituale fuori dal tempo, dove ogni cosa è predisposta perché egli possa concentrarsi in un momento di cura e meditazione.
Tre Celle (cuore, cervello, lingua), ogni cella contenente un libro, un vaso canopo, un gioiello rituale.
Il visitatore, grazie al suo personale manuale di meditazione, attraversa diverse posizioni che sono allo stesso tempo linguistiche, fisiche e concettuali.
Da questi elementi, spaziali, oggettuali e relazionali, si sviluppa un dressage politico che idealmente dovrebbe non avere fine.
Dopo il soggiorno nella propria cella di meditazione, l’ospite siede al tavolo delle fondazioni, luogo comune di incontro ed apertura, dove la possibilità dell’azione torna pienamente ad appartenergli.

DESIGN

CANOPIC JARS
Design: Mali Weil
in collaboration with Materia Critica
Jars of the heart, brain and tongue
Iron, blue resin and copper leaf

Canopic jar - Brain - The House of Immortalities
Canopic jar - heart - The House of Immortalities
 
space - house of immortalities
 
Mali Weil - brain canopus - detail

IMMORTALITIES (Jewels line)
Design: Anna Kiryakova per Mali Weil
Neith’s arrows, Brooch, Bracelet, Ring, Maath’s feather necklace
Porcelain, rubber, gold, gold leaf, copper

Maath-feather- design Anna Kiryakova per Malli Weil

MAATH’S FEATHER NECKLACE
Dedicated to the Heart immortality, presence organ. According to the Egyptians the deceased heart was weighed against the principle of truth represented by a feather of the goddess Maath. On one side the heart, on the other the feather: from the result depend the deceased’s fortune in the afterlife.
Composed by 2 balanced pieces (the heart and the feather), made by the same quantity of porcelain, it can be worn only finding the balance between the two pendants.
Dresseur’s mark of the heart weighing.

Inner: silver and gold leaf

 

Maath feather -inner- design Anna Kiryakova per Malli Weil

Dedicata all’immortalità del cuore, organo della presenza.
Secondo un antico mito il cuore del defunto veniva posto su una bilancia e messo a confronto con la piuma della dea Math, simbolo di verità e purezza. Interrogato sulle proprie azioni, il defunto vedeva ad ogni risposta l’ago della bilancia pendere da un lato o dall’altro. Dall’esito della pesatura dipendeva la sua fortuna nella vita oltremondana. La collana simboleggia la volontà del dresseur di interrogare il proprio cuore e le proprie azioni. Composta da 2 pezzi bilanciati, può essere indossata solo trovando il perfetto equilibrio fra i due pendenti.

 
Brooch - design Anna Kiryakova per Malli Weil

BROOCH
Dedicated to the Brain immortality, resistance organ. The brooch hides its inner as a secret, which could be caught only focusing the sight on a single spot.
Dresseur’s mark of the vision.

Dedicata all’immortalità del Cervello, organo della resistenza. La spilla cela il suo interno come un segreto, che può essere colto solo concentrando lo sguardo in un unico punto di osservazione.
Invita il Dresseur a non essere cieco.

Porcelain, gold lustre glaze, copper

Brassard - design Anna Kiryakova per Malli Weil

BRACELET
Dedicated to the Tongue immortality, surveillance organ. Porcelain brassard cracked by a crevice showing the inner part adorned with gold.
Dresseur’s mark of the definition.

Dedicato all’immortalità della lingua, organo della vigilanza. Bracciale in porcellana, incrinato da una fenditura che permette di conoscerne l’interno, impreziosito in oro.
Invita il dresseur a praticare l’arte della definizione ed essere vigile.

Porcelain, gold lustre glaze, rubber

PARRHESIA SET (glasses and tray)
Concept: Mali Weil
Design development: Materia Critica
Glasses: borosilicate glass, concrete
Tray: concrete

By drinking a toast, these glasses invite to experience the parrhesiastic relation. Through it, an individual decides to say what they think is true to a more powerful interlocutor, risking their own safety.

Questi bicchieri invitano a far rivivere, attraverso il brindisi, il rapporto parresiastico, in cui un individuo sceglie di dire ciò che ritiene essere la verità a un interlocutore più potente di lui, a rischio della propria stessa sicurezza.

house of immortalities - pharresia set - deisgn Elipanni, Galavotti, Ranedda
 
house of immortalities pharresia tray and glasses (design object in concrete and glass)

THEORY

Map House of Immortalities by Mali Weil

SOUL ACCORDING TO ANIMAL SPIRIT
The 9 parts of the soul as faculty of Action.

Each part is an organ with a specific task for Action:

AKH: the shining brightness which generates the glory around action. It is a relational organ and only works outside the individual sphere. Akh lends a transcendental aspect to Action, a symbolic surplus.

BA: the spiritual, philosophical, imaginative nourishment which generates the ideal principle able to influence our actions.

KA: the reserve of strength which nourishes and incubates action.

AB: the heart, which answers when we are asked to be accountable for an action. It preserves its perfect shape and perfect memory in itself.

HEKAU: Action is always on something, on a space/world (common and political) which seems unattainable.
Heaku is the organ of “confidence in the power of individual action”, the Egyptian equivalent of magic. Thanks to Hekau, today I can enter the agorà with one step only.

REN: the mark that I leave on action and that action leaves on me. It is the organ which states action and declares action as mine.

SEKHEM: the radiation. It coordinates the previous parts and lets the action “roll away” from us.

KAT: the body. It is what allows us to act concretely. It is the organ of risk: if I did not have a body to risk against death, action would not cost me anything. Because of this, action is humans’ faculty and not God’s.

KAHIBT: the irrational impulse, the violent instinct and the overpowering leap. It leads us to act with too much vigor to allow the other seven parts to chisel action. It is the organ that keeps the shadow of what was done and left behind and it grows in the murk. It is the revenge demons’ forge.

L’ANIMA SECONDO L’ANIMAL SPIRIT
Le 9 parti dell’anima in quanto facoltà dell’agire.

Ogni parte è un organo deputato a un compito specifico relativo all’Azione:

AKH: il principio luminoso da cui si genera “la luce della gloria” che circonda l’azione. È un organo relazionale, che si attiva solo al di fuori dalla sfera individuale. L’Akh conferisce un aspetto di trascendenza all’azione, un surplus simbolico.

BA: il nutrimento spirituale, filosofico, immaginario che genera i principi ideali che influenzano le nostre azioni.

KA: la riserva di forza cui l’azione attinge, che la incuba e la nutre.

AB: il cuore che risponde quando si è chiamati a rendere conto di un’azione. Ne conserva in sé la forma perfetta, la memoria perfetta.

HEKAU: si agisce per avere effetto su un mondo/spazio (quello comune, politico) che sembra irraggiungibile. L’Heaku è l’organo della “fiducia nel potere dell’azione individuale”, l’equivalente egizio del potere della magia. Grazie all’Hekau ancora oggi io posso con un solo passo entrare nell’agorà.

REN: l’impronta che io lascio sull’azione e che l’azione lascia su di me. È l’organo che dice l’azione e la dice come mia.

SEKHEM: l’irradiamento. Coordina le parti precedenti e fa sì che l’azione “rotoli via” da noi.
In piena “fedeltà a se stessi”.

KAT: il corpo. Ciò che ci permette concretamente di agire. È l’organo del rischio: se non avessi corpo da mettere in gioco fino alla sua morte, l’azione non mi costerebbe nulla. Per questo l’azione è degli uomini, e non di Dio.

KAHIBT: la forza irrazionale, l’istinto violento, il balzo sopraffattorio. Porta ad agire con troppa forza perché l’azione possa essere cesellata dalle altre sette parti. É anche l’organo che custodisce l’ombra di ciò che facciamo, quel che lasciamo indietro e che cresce nell’oscurità fino a divorare il resto.
È la fucina dei demoni di rivalsa.

DAIMON

House of Immortalities arises from the obsession of building political rituals. Such rituals are based on a lexicon and a dressage able to recreate the intimacy between the individual and his/her animal spirit‘s natural identity.
It betrays a passionate devotion to the “smoothing” art of the Self.

House of Immortalities nasce dall’ossessione di costruire una ritualità politica. Una ritualità che poggi su un lessico e un dressage capaci di ricreare intimità tra il singolo e la sua identità innata di animale politico.
Tradisce inoltre un’appassionata devozione verso l’arte della levigatura del proprio .

 
map of immortalities and two snakes